Güncel Haberler

CUAM HUTBESİ KONUSU AÇIKLANDI! Diyanet 24 Kasım 2023 cuma hutbesi konusu ne oldu?

La dichiarazione dell’ultimo minuto riguardo alla questione del sermone del venerdì è stata rilasciata dalla Direzione Generale dei Servizi Religiosi sotto la Presidenza degli Affari Religiosi. Il sermone del venerdì del 24 novembre 2023 sarà pubblicato come file PDF, documento WORD e MP3. Domani molte persone andranno nelle moschee. Si alzeranno le mani al cielo e si diranno le preghiere. Ecco i dettagli sulla predica del venerdì del 24 novembre 2023…

ARGOMENTO SERMONE DEL VENERDÌ (24 NOVEMBRE 2023)

Il tema della predica del venerdì 24 novembre 2023 è stato condiviso dalla Direzione Generale dei Servizi Religiosi sotto la Presidenza degli Affari Religiosi. Ecco l’argomento del sermone del venerdì…

L’ISLAM ORDINA COMPASSIONE E MISERICORDIA

Cari musulmani!

Nel versetto che ho letto, il nostro Signore Onnipotente dice: “Grazie alla misericordia di Allah, sei stato gentile con loro. Se sei rude, severo
Se fossi coraggioso, si disperderebbero intorno a te
sarebbero andati…”1 Nell’hadith che ho letto, il nostro Amato Profeta (pbsl) dice: “Il Misericordiosissimo avrà misericordia anche di coloro che mostrano misericordia. A te a terra
Abbi pietà, affinché quelli che sono nei cieli abbiano pietà di te».27

Cari credenti!

La nostra religione suprema, l’Islam, è la religione della compassione e della misericordia. Uno dei bei nomi di nostro Signore è “er-Rahman”. Lui è l’unica fonte di misericordia. Tutti i profeti di Allah sono messaggeri di misericordia. Il profeta Muhammad, di cui siamo onorati di essere la ummah. Muhammad Mustafa (pbsl) è l’ultimo profeta inviato come misericordia ai mondi.

Cari musulmani!

Il nostro Profeta (pbsl) ha costruito la compassione invece della violenza e la misericordia invece dell’odio. Trattava ogni essere vivente e non vivente con compassione e misericordia. Ci ha informato che uccidere una vita equivale a uccidere tutta l’umanità, e ferire un cuore equivale a distruggere il Trono del Misericordioso. Indipendentemente dalla religione, dalla lingua e dal colore, ogni persona merita rispetto; la sua vita, il suo sangue, i suoi beni e
Ci ha insegnato che la dignità è inviolabile. Anche la guerra ha una moralità; È nostro dovere garantire che vite innocenti, compreso l’ambiente e gli animali, non vengano danneggiati.
ha mostrato.

Cari musulmani!

Sfortunatamente, giorno dopo giorno, ci stiamo allontanando dagli insegnamenti di misericordia che il Messaggero di Allah (pbsl) ci ha lasciato in eredità. Assistiamo tristemente ad ogni tipo di violenza in famiglia, sul lavoro, nel traffico, insomma nella vita quotidiana. Sfortunatamente, le donne, i bambini e gli anziani sono i più colpiti dalla violenza. Tuttavia, non importa da chi provenga, a chi sia diretta e per qualsiasi motivo, qualsiasi forma di violenza è inaccettabile. Qualsiasi parola, atteggiamento o comportamento che consideri legittima la violenza non può trovare posto nel Corano e nella Sunnah. Secondo l’Islam, la violenza è crudeltà e violazione dei diritti delle persone. È un peccato grave, un peccato grande.

Miei cari fratelli e sorelle!

La violenza è il più grande nemico dell’umanità. Coloro che si basano sulla violenza e sull’odio sono coloro che arrecano il danno maggiore alla famiglia umana. Uno degli esempi più dolorosi di questo grande male sta accadendo oggi in Palestina. Gli oppressori, che non riconoscono i diritti e la legge, ritengono necessario infliggere ogni tipo di violenza ai nostri fratelli palestinesi. Templi, ospedali e scuole vengono brutalmente bombardati; I musulmani vengono allontanati dalla loro patria a causa dell’oppressione e della violenza. Criminali senza coscienza stanno commettendo un grande genocidio a Gaza, senza distinguere tra donne, bambini e anziani. in Palestina
I diritti più elementari come i diritti umani, i diritti dei bambini, i diritti all’istruzione vengono calpestati dai tiranni invasori. Coloro che pretendono di difendere questi diritti
Mentre ignorano questi massacri con il loro atteggiamento ipocrita, il numero delle persone giuste e coscienziose nel mondo aumenta di giorno in giorno. Non bisogna dimenticare che la violenza non porta il successo a nessuno e alla società. La delusione in questo mondo e un doloroso tormento nell’aldilà attendono coloro che hanno massacrato persone innocenti a Gaza.

L’avvertimento del nostro Profeta (pbsl) è molto chiaro:

“Coloro che subiranno la punizione più severa nel Giorno del Giudizio sono coloro che tormentano le persone in questo mondo e vedono la violenza come necessaria”. 3

Cari credenti!

Genitori e insegnanti sono coloro che piantano i semi della compassione e della misericordia nei cuori delle persone. I nostri insegnanti sono persone devote che lavorano duramente per migliorare il nostro futuro. Sono persone devote che si sforzano con tutte le loro forze di indirizzare i nostri figli verso la bontà e la bellezza, per crescerli come persone fedeli ai loro valori nazionali e spirituali e utili al loro ambiente e alle persone.
In questa occasione, ricordo con rispetto e gratitudine tutti i nostri insegnanti che ci hanno unito con conoscenza, saggezza e saggezza e ci hanno aiutato a raggiungere questi giorni. Auguro misericordia a coloro che sono morti e auguro salute, benessere e pace a coloro che sono vivi. Il nostro Profeta ha detto: “Sono stato inviato solo come insegnante”.4
Concludo con la seguente preghiera di (pbsl): “O Allah! Mi rifugio in te da un cuore non umile, da un’anima non soddisfatta, da una conoscenza che non giova e da una preghiera non accolta».5

QUAL È STATO L’ARGOMENTO DEL SERMONE DEL VENERDÌ DELLA SETTIMANA SCORSA?

Argomento del sermone del venerdì 17 novembre 2023:

“﷽
Chiunque pratica la giustizia, sia maschio che femmina, ed è credente, gli daremo sicuramente una vita buona e gli daremo la ricompensa secondo il meglio di ciò che avevano fatto.
Il Messaggero di Dio, che Dio lo benedica e gli conceda la pace, disse:
Oh Dio, ti chiedo una fede solida, fede nella buona morale e successo seguito da successo.

INTEGRITÀ DELLA FEDE, DEL CULTO E DELLA MORALITÀ

Cari musulmani!
La nostra religione suprema, l’Islam, comanda la fede, il culto e la buona morale. L’Islam è come un albero le cui radici sono la fede, il cui tronco è il culto e il cui frutto è la buona morale. Proprio come un albero è significativo, prezioso e utile con le sue radici, il tronco e il frutto, il credente diventa una persona perfetta, un musulmano maturo e una persona utile con la sua fede, il culto e la buona morale.

Cari credenti!
Fede; Significa credere nell’esistenza e nell’unicità di Allah, dei Suoi angeli, dei Suoi libri, dei Suoi profeti, dell’aldilà e che il destino e il destino provengono da Allah. Significa confessare con la nostra lingua e confermare con il nostro cuore tutte le verità che il nostro Profeta (pbsl) ci ha trasmesso.

Cari musulmani!
Il nostro Signore Onnipotente dice nel Sacro Corano: “Le persone pensano che saranno lasciate sole a dire: ‘Noi crediamo’, senza essere messe alla prova?”

Questo versetto ci informa che dire “credo” non è sufficiente. Perché la fede non è solo un legame tra il servo e Dio. Non è solo una frase secca, isolata dalla vita e confinata nella mente. Fede significa agire secondo lo scopo della nostra creazione. Significa sforzarsi di adempiere alle nostre responsabilità. Significa essere sensibili a ciò che accade intorno a noi. Significa preoccuparsi dei problemi di tutte le persone oppresse, ovunque si trovino nel mondo, e sentire il loro dolore nei nostri cuori.

Cari credenti!
La manifestazione della nostra fede nella nostra vita è l’adorazione. Adora; Queste sono le parole e le azioni che ci portano al consenso di nostro Signore. È un’espressione della nostra gratitudine per le benedizioni date dal nostro Signore Onnipotente.

Senza le nostre preghiere, la nostra fede non può dirigere pienamente la nostra vita. “Il mio cuore è puro!” Il nostro cuore non diventa puro dicendo questo. L’adorazione limitata a un giorno della settimana o a un mese dell’anno non può portarci felicità in questo mondo e nell’aldilà. Il nostro Signore Onnipotente ha detto: “Chiunque fa buone azioni, sia maschio che femmina, come credente, lo faremo sicuramente vivere una vita pacifica e lo ricompenseremo con il meglio in cambio di ciò che ha fatto.” Nonostante i suoi peccati passati e futuri furono perdonati, il nostro amato profeta Muhammad Mustafa (pbsl) non abbandonò mai le sue preghiere anche nelle condizioni più difficili.

Cari musulmani!
È la moralità che perfezionerà la nostra fede. La moralità è la più grande eredità che il nostro Profeta (pbsl) ci ha lasciato dopo la rivelazione. La moralità è l’essenza dell’Islam. Una brava persona è un must per una società virtuosa. Moralità; Far prevalere nella nostra vita buone qualità come la compassione e la misericordia, la verità e l’onestà, la giustizia e la disponibilità. Significa liberarsi da cattivi comportamenti come rancore e odio, invidia e passione, spreco e avarizia. Significa violare i diritti delle persone e del pubblico.

Miei cari fratelli e sorelle!
Lasciamo che la nostra fede aggiunga significato alla nostra vita. Lasciamo che la nostra adorazione costruisca la nostra identità. Lasciamo che la nostra moralità guidi tutto il nostro comportamento. Allora le nostre mani staranno lontane da haram, i nostri occhi staranno lontani dal peccato e la nostra lingua starà lontana dalle bugie. La nostra famiglia sarà la casa della pace e della felicità. Il nostro quartiere continuerà con fiducia e affetto. Il nostro commercio sarà halal e i nostri guadagni saranno abbondanti. Tutte le persone oppresse e vittime della terra sorrideranno; Il nostro mondo continuerà ad essere una terra di pace e benessere.

Concludo il mio sermone con la seguente preghiera del nostro Profeta (pbsl): “O Allah! “Voglio da te una fede solida, adorna di buona morale e di opere che conducano alla salvezza eterna”.

COME EFFETTUARE LA PREGHIERA DEL VENERDÌ?

Secondo le informazioni pervenute dalla Presidenza degli Affari Religiosi, la preghiera del venerdì si svolge come segue;

Quando viene recitato l’adhan di mezzogiorno, viene eseguita la prima Sunnah della preghiera del venerdì di quattro rakat.

Pur intendendo

Si dice: “Intendo eseguire la prima Sunnah della preghiera del venerdì per amore di Allah”.

Questa preghiera viene eseguita proprio come la prima Sunnah della preghiera di mezzogiorno.

Nel primo rakat, Subhanake viene recitato per primo. Quindi viene recitato l’Euzu Basmala.

Fâtiha e durata aggiuntiva vengono recitate in tutti i rakat.

Nella prima seduta viene letto solo Etteahiyyatu.

c2

Nell’ultima seduta:

Quindi, il secondo adhan viene recitato all’interno della moschea.

Quindi, l’Imam sale sul pulpito per pronunciare il sermone. Si legge il sermone.

È tahrimi makruh che la congregazione preghi e parli mentre viene letto il sermone.

Mentre Hatîb Efendi prega, la congregazione non dice amen ad alta voce. Si chiama silenzioso dentro

Tutto ciò che è haram fare mentre si prega è haram anche mentre si ascolta il sermone.

c3

Dopo che il sermone è stato letto e terminato, il muezzin recita l’iqamah.

Quindi, la preghiera obbligatoria del venerdì di due rakat viene eseguita in congregazione. Questa preghiera viene eseguita proprio come la parte obbligatoria della preghiera del mattino.

L’intenzione è la seguente: “Intendo eseguire la preghiera obbligatoria del venerdì per amore di Allah e seguo l’imam che è pronto”.

Poi, l’ultima Sunnah dei quattro rakat. La sua intenzione è la seguente: “Intendo eseguire l’ultima Sunnah della preghiera del venerdì per amore di Allah”.

Questa Sunnah viene eseguita proprio come la prima Sunnah. Pertanto, la preghiera del venerdì viene essenzialmente eseguita insieme alle preghiere del fard e della Sunnah.

Dopo l’ultima circoncisione, vengono eseguiti altri quattro rakat di preghiera con l’intenzione della fine dei tempi. Mentre si esprime l’intenzione, si dice quanto segue: “Intendo, per amore di Allah, eseguire la preghiera obbligatoria dell’ultima preghiera di mezzogiorno, la cui preghiera è su di me ma non mi ha ancora lasciato”. Se l’intenzione è fatta in questo modo, la preghiera di mezzogiorno verrà eseguita a meno che non venga accettata a causa di una carenza nelle condizioni della preghiera del venerdì di quel giorno. Se viene accettata, l’ultima preghiera mancata viene conteggiata ai fini della preghiera di mezzogiorno.

Successivamente, vengono eseguiti due rakat del tempo come Sunnah. L’intenzione è espressa dicendo: “Intendo seguire la Sunnah del tempo per amore di Allah”. Se la preghiera del venerdì non è valida, questi dieci rakat costituiranno la preghiera di mezzogiorno. Successivamente, vengono letti Ayat al-Kursi e tasbîh e vengono fatte preghiere.

c5

QUANTI RAKATS È LA PREGHIERA DEL VENERDÌ?

L’obbligo della preghiera del venerdì è di due rakat. Inoltre, c’è una Sunnah di otto rakat, quattro rakat prima del fard e quattro rakat dopo il fard (Kâsânî, Bedâî’, I, 269).

Secondo l’Imam Abu Yusuf e l’Imam Muhammad, la Sunnah da eseguire dopo la preghiera del fard è di sei rakat in totale, quattro rakat con un saluto e due rakat con un saluto. Hz. È stato riferito che è stato narrato da Ali.

Titoli importanti della giornata
CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOMEPAGE
I mostri del traffico di Chakar sono stati multati!I mostri del traffico di Chakar sono stati multati!
La danza La danza “magica” del nostro cervello e del nostro sistema nervoso… Allora come funziona? Rimarrai sorpreso quando ascolterai
Affermazione flash: quella ragazza aveva una relazione con qualcuno nell'ambito della Presidenza Generale!Affermazione flash: quella ragazza aveva una relazione con qualcuno nell’ambito della Presidenza Generale!

İlgili Makaleler

Bir yanıt yazın

E-posta adresiniz yayınlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir

Başa dön tuşu
Ne Demek - Bursa son dakika - Ehliyet Sınavı Çıkmış Sorular - Paket Arıtma - Gebze implant diş - Kulis haber -
sesli sohbet elektronik sigara cam
Bebek Bakıcısı - Omegle - Sohbet Odaları - Omegla - Görüntülü Sohbet - Kaynak Otomasyon Sistemleri -
deneme bonusu radabet giriş Puff langstoninstitute.org gaziantep bayan escort antep escort